SHARE

Dott. Veterinario Marcello Ritondo – Hanno un cuore? Certo che si. I nostri amici a 4 zampe provano dei sentimenti. Questo è stato ormai appurato da etologi di fama , che tuttavia non sanno bene definirli, ed anche da veri saggi di mezzo mondo ,che affermano che anche gli animali hanno un anima. Se vogliamo rimanere in tema cattolico, religione diffusa in occidente e in Italia, papa Paolo VI annunciò proprio questo : gli animali sono destinati a farci compagnia anche nell aldi là e posseggono un anima, cioè un corpo spirituale invisibile come noi.
E’ curioso come un altro Paolo all’epoca (di Tarso) definì meglio la questione per l’uomo inquadrando la cosa in tre semplici parti: corpo, anima e spirito. Quindi, cari amici tutti, dobbiamo avere un po piu di rispetto per questi compagni di viaggio terreno. Questa anteprima importante per capire meglio come comportarci nei loro confronti. Quindi oltre al corpo gli animali hanno dei sentimenti ed una razionalità. Quante volte parliamo loro… e loro ci capiscono? Certamente ! Ma non bisogna fare loro discorsi troppo lunghi ed articolati, no, anche il solo atteggiamento o una mossa o una sola parola o solamente una diversa inclinazione dello sguardo possono essere l’input giusto per capire e comprendere. Quante volte dopo aver rpeso un appuntamento da me , alcuni proprietari mi ritelefonano scusandomi con me perché il cane o il loro gatto, si è nascosto o non vuole farsi prendere , perché aveva sentito o “percepito” che doveva venire in ambulatorio e si è lasciato prendere dalla sindrome della “paura del dottore”. Quindi hanno una certa razionalità, un corpo mentale quindi, magari non molto avanzato ma efficace. Vanno ad istinto e questo basta. Imparano velocemente certe cose , come aprire le porte, scavare tunnel liberatori e vocalizzare alcune vocali. Alcuni etologi hanno definito il cervello di un cane come quello di un bambino di tre anni ma secondo me vanno ben oltre alcuni e lo dimostra il fatto che alcuni cani praticamente non c’è bisogno di alcuna lezione per addestrarli a dovere, sembrano nati già con la sapienza incorporata e capiscono praticamente quasi tutto non potendolo però esprimerlo a dovere come gli umani. La razionalità avanzata di certi cani ha salvato la vita a molte persone sotto le macerie, ha diretto ciechi verso la sponda sicura ed ha salvato naufraghi e dispersi sotto la neve. In questo sono aiutati da un fiuto praticamente infallibile. Cacciatori, un appello, rivedete le vostre abitudini. L’uomo non è cacciatore. Non è nato cacciatore ! E lo dimostra il semplice fatto che un uomo senza cane e senza fucile non prende neanche un passero. Certamente può costruire trappole, ma è né sportivo né naturale e alla fine tutto ciò si paga. Cani e gatti provano anche dei sentimenti e la prova di ciò è sotto gli occhi di tutti quando un cane , dopo la dipartita del proprio padrone , rimane per ore e ore o per giorni interi , vicino la bara oppure rimangono tristi e senza mangiare per mesi, lasciandosi andare da un oblio sentimentale a volte letale. Che anime! Cani e gatti meglio di alcuni uomini a volte ! E noi come li trattiamo? Li abbandoniamo, magari in autostrada, come dei veri figli di buona donna! Quindi riflettiamo su queste cose. Se prendiamo lì’impegno di un cane o gatto a casa , pensiamo che sono come figli. Se no è meglio non prenderli. Noi possiamo fare molto per loro e loro cosa ci danno in cambio? Esattamente tutto ciò che noi diamo loro, cento volte tanto !

NO COMMENTS