SHARE

Daniele Nuccio, consigliere comunale, si candida alle nazionali con la lista di Grasso, Uguali e Liberi, ecco le sue dichiarazioni divulgate sui social: “Bene, alla luce della presentazione ufficiale delle liste, penso sia giunto il momento di comunicare a quanti mi hanno sostenuto ed incoraggiato nelle battaglie che abbiamo condotto in questi anni che si, prenderò parte alla prossima competizione elettorale. Ho deciso di accettare la proposta di candidatura a sostegno del Presidente Piero Grasso, sposando un progetto che vuole cambiare l’agenda politica mettendo al centro quelli che sono i valori della sinistra e del centro-sinistra.
Parlare di lotta alle disuguaglianze, di diritto al lavoro, di intregrazione culturale, di legalità e diritti civili significa per noi riprendere in mano il nostro futuro, in un Paese che fra populismi e derive autoritarie di capi partito rischia di deragliare.
La prossima tornata elettorale sarà decisiva e noi dobbiamo sforzarci di arginare questa pericolosa deriva tornando a riscoprire il valore del confronto con la gente, astenendoci dal vendere sogni e soluzioni impossibili.
Guardando con coraggio in faccia la realtà e facendo valere le prerogative di un territorio per troppo tempo dimenticato.
Contrasteremo con tutte le nostre forze chi pensa che puntando alla paura della gente si possa capitalizzare consenso.
Contrasteremo chi pensa di speculare sull’analfabetismo funzionale per veicolare programmi irrealizzabili.
Contrasteremo chi ha già avuto modo di tradire le aspettative e la fiducia della gente.
Ma contrasteremo anche chi avrebbe voluto stravolgere definitivamente la nostra Carta Costituzionale compiendo oggi la mutazione genetica che ha portato il Partito Democratico ad essere altra cosa rispetto agli obiettivi dati alla sua costituzione.
Queste sono le motivazioni che mi hanno spinto a metterci la faccia, come sempre ho fatto quando ho ritenuto valido un progetto.
Chi riveste ruoli pubblici, a qualunque livello, non può far finta di niente, voltarsi dall’altra parte quando in gioco c’è il futuro del Paese.
Sarà una battaglia impari, difficile come difficile era la sfida che Davide ingaggiò contro il gigante Golia.
Chiamo a raccolta chi pensa che qualcosa per questa terra si possa ancora costruire, chi non si è rassegnato ma soprattuto quanti pensano che l’astensione dal voto sia una soluzione.
Per cambiare lo stato di cose presente serve il coraggio e la dignitià di quanti posso dirsi liberi.
Liberi dalle logiche che hanno portato la gente a perdere fiducia nella Politica.
Liberi da protettori e capi corrente ai quali chinare la testa.
Noi faremo la nostra parte con la determinazione di sempre. Certi che la storia di ognuno di noi e l’impegno sul campo possa rappresentare un punto di partenza per costruire un’Italia migliore.
Io ci metto la faccia.
Un abbraccio a tutti voi”.

PS: (per la cronaca sarò il candidato nel collegio uninominale di Marsala per la lista “Liberi e Uguali” e ricoprirò la terza posizione per la quota proporzionale).

DN