Un programma capillare di azione e promozione dell’allattamento al seno è stato messo in atto dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, in applicazione del “Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018, Macro Obiettivo 1” dell’Assessorato regionale della Salute.

Il dipartimento Materno-infantile dell’ASP, diretto da Pietro Di Stefano, sta promuovendo la policy aziendale di seguire i “Dieci passi per la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento nei servizi per la maternità”, previsti dall’UNICEF e dall’Organizzazione Mondiale della Salute.

Il programma è stato già avviato all’ospedale S. Antonio Abate. “Soltanto il lavoro congiunto dei reparti di Ostetricia e Ginecologia e di Neonatologia -afferma il neonatologo Stefano Daidone – può portare alla diffusione dell’allattamento materno”.

Il team di ostetriche del nosocomio, coordinato dal Vincenzo Monteleone, da qualche mese garantisce il “Pronto Allattamento”, un ambulatorio di sostegno alle mamme che hanno partorito e che a casa, talvolta, hanno difficoltà a continuare a nutrire i loro bimbi soltanto con il loro latte.

 “Il ritorno a casa – spiega Anna Maria Pianelli, ostetrica responsabile di questo servizio – può rappresentare per le neo mamme che allattano un momento di confusione, sconforto e di maggior necessità di sostegno da parte di personale sanitario adeguatamente preparato”.

Grande apprezzamento per l’iniziativa hanno espresso il commissario dell’ASP Giovanni Bavetta e il direttore sanitario Salvatore Requirez, che ha fatto parte del tavolo tecnico assessoriale per la promozione e il sostegno dell’allattamento al seno.

“Questa policy aziendale – dice Bavetta –dal prossimo mese sarà applicata anche in tutti gli altri punti nascita della provincia. L’ASP Trapani è, e vuol essere sempre più, amica dei bambini, una mission che deve vedere impegnati tutti i reparti di Ostetricia, di Neonatologia e di Pediatria,  ma che deve coinvolgere maggiormente il territorio, perché sono poi i pediatri di libera scelta quelli che seguono i neonati nella loro crescita”.