SHARE

Nell’appuntamento “speciale azzurra sport” (andato in onda su radio azzurra Marsala) di questo pomeriggio avevamo programmato un’intervista radiofonica con l’imprenditore Luigi Vinci, che attraverso un comunicato stampa, nella mattinata di oggi, aveva fatto sapere di aver concluso positivamente la trattativa e rilevato il pacchetto azionario di maggioranza del gruppo Gerardi.

La smentita è arrivata praticamente poco prima dell’inizio della trasmissione, attraverso un’intervista di uno degli azionisiti del Marsala 1912, Pino Occhipinti, rilasciata ad un’altra testata sportiva (Fantastica Sport), a quel punto contattato anche dalla nostra redazione, ecco cosa ci ha dichiarato: “Non è vero ciò che ha affermato Vinci e cioè che nella riunione di lunedi scorso, nella quale non ero presente, il D.G. Gerardi e il vicepresidente Mannone mi stavano rappresentando, dobbiamo ancora discutere e dare una risposta definitiva, in quanto stiamo trattando anche con la cordata del Presidente Bonafede, che ha rinnovato il suo interesse per la società azzurra. Dobbiamo quantificare il reale valore del Marsala, il bonus di 10.000 euro lo ritengo insufficiente, solo a quel punto potremo dare una risposta definitiva“.

Al termine della trasmissione, in cui eravamo conviti che si trattasse di una semplice intervista dove la “nuova proprietà” esponesse i propri programmi, siamo stati  raggiunti telefonicamente (in forma privata) dall’attuale Presidente Bonafede, che ci ha pregato di rendere pubblica questa dichiarazione: “La cordata che rappresento (Dolce Onorio), dopo aver appreso le dichiarazioni di Vinci e di Occhipinti attraverso la Vostra trasmissione, si ritira da ogni trattativa, in quanto non vogliamo mettere i bastoni tra le ruote a nessuno, tantomeno vogliamo giocare al rialzo. Domani rassegnerò definitivamente le mie dimissioni da Presidente, auguro a Vinci, se riuscirà a rilevare la società, di portare il Marsala 1912 in alto“.

Intanto sono giunte anche le dimissioni del Direttore Generale Matteo Gerardi, come preannunciate da tempo, riportiamo fedelmente il comunicato stampa:

Carissimi sportivi e tifosi del Marsala 1912,
come già anticipato a fine marzo, mantenendo fede agli impegni presi e nel rispetto della società, con sommo dispiacere, rassegno le dimissioni da direttore generale dello Sport Club Marsala 1912.
In tutti questi anni ho cercato con tutto me stesso di lavorare avendo grande rispetto di coloro che hanno collaborato con me, dei giocatori che hanno militato in questo glorioso club e di tutti quei tifosi che sono stati sempre vicini alla squadra e alla società, anche nei momenti più difficili. Non ho alcun rimpianto di tutte le mie scelte fatte in questi anni e rifarei tutto perchè al di là degli errori che sicuramente ci sono stati, tutto il mio lavoro è stato fatto con professionalità, amore e dedizione per il calcio e per i colori azzurri. La mia è scelta molto sofferta e dolorosa perchè in questo momento della storia di questo club è giusto che io mi faccia da parte per dare ad altri l’opportunità di portare avanti questo club con la speranza di rivederlo nelle categorie alte che più gli competono. Ho un solo grande rammarico, questo anno dopo grandi e innumerevoli difficoltà, avevamo costruito una squadra che aveva le carte in regola per poter affrontare il campionato di serie D senza alcun problema e magari con un pò di spregiudicatezza avremmo potuto ambire ai piani alti della classifica. Purtroppo, così non è stato e la retrocessione è stata sicuramente immeritata. Questo è accaduto per tanti motivi, a metà stagione io e i miei compagni di viaggio che ringrazio tantissimo, ci siamo trovati da soli ad affrontare gli impegni economici che dovevano essere rispettati. Alcuni sponsor che avevano garantito un sostegno molto importante non hanno tenuto fede agli accordi stipulati e gli incassi delle partite interne hanno avuto un calo vertiginoso. Ma nonostante tutto, lavorando con grande impegno siamo riusciti lo stesso a terminare la stagione. Lascio, come dicevo, con grande dolore, ma metto a disposizione e a servizio tutta la mia professionalità e passione perchè dopo tanti anni di militanza, i questo mondo, senza il calcio mi sentirei orfano e come se una parte di me non ci fosse più. Ho iniziato come calciatore, continuato come allenatore ed ora dirigente e tutto questo non si può cancellare in un minuto.
Auguro al Marsala calcio tutto il bene possibile e rimango il tifoso di sempre con i colori azzurri che scorrono inevitabilmente nelle mie vene“.

Matteo Gerardi”