SHARE

Il tema è quello dell’ascolto della donna e del suo diritto ad essere informata

Parto Unico” è lo spettacolo inserito nel programma delle iniziative patrocinate dall’Amministrazione Di Girolamo per la ricorrenza della “Giornata internazionale della Donna”. Andrà in scena a Marsala il prossimo 8 marzo – Teatro comunale “Sollima”, ore 21 – ed affronta il tema del parto abbracciando, parallelamente, quello della “violenza ostetrica”, sul quale c’è molta attenzione a livello nazionale (è attivo un Osservatorio) e internazionale. È la stessa OMS, infatti, a documentare che nel mondo molte donne durante il parto in ospedale «fanno esperienza di trattamenti irrispettosi e abusanti». Ovvero, subiscono l’imposizione spesso standardizzata di cure/pratiche senza il loro consenso e senza avere le adeguate informazioni. L’ascolto della donna in un momento di fragilità estrema ma, soprattutto, la capacità della stessa donna di ascoltarsi e farsi ascoltare sono gli aspetti portati in luce dall’autrice e regista di “Parto Unico”, la psicoterapeuta Giorgia Di Giovanni:“Ho avvolto il cammino di preparazione al parto di comicità e grottesco per stuzzicare le emozioni del pubblico e creare un momento di riflessione su queste tematiche. Consapevole che la mancanza di risorse ed investimenti nel sistema sanitario è una problematica che incide sull’attenzione alla persona e che andrebbe affrontata non certo sul palcoscenico di un teatro, ho voluto comunque dar voce a tante storie e a tante ferite sempre dolorose da rievocare”. Lo spettacolo della Associazione TeaKanto custodisce la memoria di un anno di lavoro all’interno del laboratorio Madre-Spazio-Teatro, un luogo di incontro dove tante donne hanno potuto condividere le proprie emozioni, non solo di madre.