SHARE

Presentata alla Stampa la nuova campagna di comunicazione ai cittadini

Occorre anche il convinto sostegno degli Organi di Stampa per la buona riuscita di questa nuova campagna di informazione che, assieme ad Energetikambiente, avvieremo la prossima settimana. È importante sensibilizzare i cittadini ad aumentare la differenziata per pagare di meno. È un dovere di tutti quelli che vivono e operano in questo territorio ”. Un accorato appello è quello lanciato oggi dal sindaco Alberto Di Girolamo nel corso dell’incontro con i giornalisti, cui è stata illustrata la nuova attività di comunicazione per una corretta differenziazione dei rifiuti. Lo slogan sarà “Marsala è casa mia. Mi rifiuto di sporcarla” e sarà utilizzato nei canali di comunicazione concordati da Comune e Società che gestisce il servizio di raccolta. “Occorre un maggiore impegno per cementare il senso civico in quei cittadini che, ancora, si ostinano a non seguire semplici regole – sottolinea il sindaco Di Girolamo; non possiamo vanificare gli sforzi finora compiuti per ridurre notevolmente i costi del servizio e abbassare le tariffe” . Dati confortanti, questi, su cui si è soffermato il vicesindaco Agostino Licari: “Questa Amministrazione ha ereditato una percentuale di raccolta differenziata del 38,83%. Oggi, grazie ad azioni mirate e alla stragrande maggioranza dei marsalesi, la percentuale è aumentata, chiudendo il 2017 al 54,25% ” . In termini monetari, il minore smaltimento di tonnellate di Rsu si è tradotto in oltre 1 milione e 200 mila euro di risparmio per l’intera collettività. Sul punto, nel corso dell’incontro è stato evidenziato che, attualmente, smaltire una tonnellata di Rsu costa circa 170 euro. Qualora, come si paventa, si dovesse trasportare il rifiuto indifferenziato fuori regione o all’estero (le discariche siciliane sono ormai sature), si prevede un aumento di costo a tonnellata attorno a 100 euro. Da qui l’importanza di differenziare bene e meglio, riducendo al minimo l’Rsu. Un circolo virtuoso su cui è avviata Marsala, sottolineato anche dall’arch. Giovanni Picone – capo area sud Italia di Energetikambiente – che ha avuto altresì parole di apprezzamento per Marsala: “Un’eccellenza regionale questa città, in cui lavoriamo con entusiasmo. Certo, le contrade rispondono meglio del centro urbano, con i condomini che rappresentano ancora una criticità nel sistema di raccolta porta a porta ” . L’attività di comunicazione comincerà la prossima settimana con la distribuzione a domicilio dei nuovi calendari, relativi alle diverse aree di raccolta in cui è suddiviso il territorio.