SHARE

Salve Amiche, Amici, Lettori,
continuiamo a sensibilizzare il più possibile sull’importanza della prevenzione delle malattie cardiovascolari. Oggi ci soffermiamo sulla riduzione dei fattori di rischio attraverso l’adozione di “Stili di Vita di ognuno di noi”, consapevoli che Noi tutti abbiamo ancora una scarsa percezione della gravità del rischio cui ci espongono abitudini alimentari scorrette, sedentarietà, fumo ed elevati livelli di pressione arteriosa e colesterolemia.
Ci rivolgiamo principalmente agli adulti, soprattutto alle donne per il ruolo che rivestono nella scelta dell’alimentazione della famiglia ed agli anziani per ritardare il più possibile l’insorgenza della disabilità.
In questo numero vogliamo considerare il CUORE un “Motore Perfetto”.
Si questo gioiello della natura, il Cuore, è il tuo Motore, lavora per Te e merita le tue attenzioni.
Già fin da prima della nascita e poi per tutta la vita il tuo Cuore riesce a fare 3 miliardi di battiti, senza perdere un colpo; è anche potentissimo: pompa in un solo giorno circa 8-9.000 litri di sangue. Affidabile, Potente, ma anche Flessibile, si adatta prontamente a tutte le necessità, rallenta e consuma poco durante il riposo, accelera senza ritardi per uno sforzo improvviso od una emozione.
Basta poco: metti la benzina giusta, mai fuori giri, dai un occhio alle spie del cruscotto ed ogni tanto fai un tagliando. E’ il modo migliore per evitare le malattie cardiovascolari …” l’unico disponibile in realtà”.
Se lo rispetti e gli vuoi bene, ti accompagnerà senza problemi nel TUO VIAGGIO DELLA VITA.
Come una macchina, il tuo corpo e di conseguenza il tuo Cuore, sono costruiti per “muoversi” e come tale si rovina se la tieni ferma in garage, ogni tanto bisogna sollecitarla; ogni tanto per tenerlo in forma bisogna dare una acceleratina, senza mai portarlo “fuori giri” . Non c’è bisogno di diventare un atleta, basta una passeggiata a passo svelto di 30/40 minuti almeno tre o quattro volte alla settimana. Dimenticare ogni tanto l’ascensore e magari scendere due fermate prima l’autobus. L’esercizio fisico regolare riduce il peso e la pressione, abbassa il numero dei battiti cardiaci, aumenta il colesterolo buono e riduce il rischio di diabete; il tuo motore ti consentirà così velocità più elevate con un minor numero di giri.
Dal movimento non trarrà beneficio solo il Motore, ma anche la carrozzeria ( i muscoli) ed il telaio ( le ossa).
Fumo, colesterolo elevato, pressione alta, sedentarietà, obesità, diabete: i medici li chiamano “ Fattori di Rischio”, per Te sono le “spie “ del cruscotto del tuo Cuore. Se tutte queste spie restano spente, puoi stare tranquillo, le probabilità di un guasto sono minime; certo dopo i 100.000 Km l’usura si farà sentire, ma se le spie restano spente , si potrà facilmente raggiungere i 200.000 Km. Se una spia si accende la probabilità di un guasto aumenta, se poi se ne accendono simultaneamente 2 o 3, i rischi aumentano e aumentano le probabilità di doversi fermare.
Correggiamo il nostro stile di guida, rallentiamo, controlliamo i livelli ….., le spie si spengono ed il viaggio si può riprendere senza intoppi.
Faremmo sicuramente così con la nostra auto; perché non per il Nostro Cuore?…
Grazie per l’attenzione e Vi diamo appuntamento al prossimo numero di “ Leggo Città”, per parlare delle SPIE che si accendono. Una spia accesa non è una diagnosi: è solo un ALLARME.

NO COMMENTS