Uno sciopero globale per chiedere ai governi di intervenire e invertire la rotta con politiche ambientali per contrastare i cambiamenti climatici provocati dal riscaldamento globale dovuto a sua volta dall’inquinamento causato dall’uomo.Giovani e meno giovani sono scesi  in piazza in quasi 1700 città sparse in circa duecento Paesi, anche ad Alcamo i giovani hanno voluto dare il proprio contributo di solidarietà recandosi presso la spiaggia di Alcamo Marina per raccoglie plastiche, microplastiche e vetro sparso lungo la costa (fattori inquinanti dell’ambiente). Di buon ora gli studenti del Liceo Scientifico e Classico e di altri Licei di Alcamo, accompagnati da alcuni insegnanti, si sono recati presso la spiaggia di Alcamo Marina, e dopo essersi forniti di guanti in lattice e sacchettoni  per i rifiuti, forniti dal Comune di Alcamo, hanno iniziato la raccolta dei rifiuti. Presenti alla manifestazione solo rappresentanti politici del M5S, l’on Palmeri , Vice  Presidente della commissione Ambiente all’ARS, l’on. Lombardo deputato  nazionale, l’assessore al Comune di Alcamo,l’Assessore Vito Lombardo,la Presidente della IV Commissione del ComuneRosalba Puma,il consigliere Francesco Viola ed alcuni attivisti M5S. Una adesione globale nata dall’esempio da una giovanissima attivista svedese sedicenne Greta Thunberg, e che si è ripercorsa in brevissimo tempo in tutti i ragazzi del mondo.Soddisfazione hanno espresso i parlamentari al fatto che proprio dai ragazzi sia venuta questa iniziativa, “che sia da esempio”,  e che  tutti i Governi si mettano al lavoro per cercare di ridurre  i livelli di inquinamento.