Al signor Sindaco di Marsala; Al signor Presidente del Consiglio comunale di Marsala; A tutti gli organi d’informazione;

Lettera aperta ai cittadini sui disservizi ospedalieri.

Cambiano i Direttori Generali, ma la situazione in cui vive l’ Ospedale di Marsala è sempre più tragica.  Ormai il disservizio più dilagante,le corsie senza medici,i servizi soppressi non fanno più notizia. È subentrata una sorta di rassegnazione,il più deleterio di tutti i sentimenti,che induce a ritenere “normale” ciò che invece dovrebbe scuotere le coscienze.

Mi chiedo: “ Ma dove sono i nostri parlamentari eletti  nella nostra provincia ? Si fanno vedere solo in occasione delle elezioni,e poi ?? Dove vive  il Signor Sindaco( Capo della  Sanità cittadina)?

Facendo appello a questo guizzo di “Orgoglio Marsalese” , ci troviamo per l’ ennesima volta a denunciare lo stato disastroso di tutti i reparti e servizi ospedalieri,anche quelli più delicati.

In Cardiologia,orbene delle otto unità di medici più due incaricati assegnati, tre sono in maternità e quindi esenti da turni e reperibilità notturna; i restanti medici, oltre al lavoro del reparto(compreso l’ambulatorio), sono chiamati a coprire i turni a Pantelleria, ragione per cui un medico manca dall’ ospedale di Marsala. Come se  non bastasse , il Direttore Sanitario, ha disposto che i medici dello stesso reparto siano chiamati a svolgere il servizio presso il Pronto Soccorso, aggravando ancora di più la situazione medica del reparto che per tipologia e tempistica di trattamenti, dovrebbe  sempre assicurare la presenza di personale medico efficiente e disponibile.

Idem per i restanti reparti e servizi, chiamati a svolgere il loro servizio presso il Pronto Soccorso.

Senza voler sminuire la professionalità medica , mi chiedo : “Ma un medico specialista di un settore, per esempio, un otorino o un’ oculista che per decenni ha solo visitato la patologia della sua branchia è in grado di visitare al Pronto Soccorso (dove allocano le più svariate patologie), senza incorrere ad errori grossolani?

In poche parole, è sempre la stessa storia della coperta corta: se copri i piedi scopri la testa!! Si spostano i medici, come pedine, da  un posto all’altro solo seguendo i condizionamenti mediatici,senza cercare una soluzione seria ai problemi; sui giornali si parla di Pronto Soccorso ?Come risolvere il problema? Semplice! Prendiamo i medici di altri reparti e portiamoli li!! Si creano disservizi enormi anche in altri reparti ?? Pazienza… L’Importante è poter annunciare che il Pronto Soccorso è stato potenziato. A che prezzo non conta!

Il Direttore Generale e Sanitario, che fanno carriera sono degli scacchisti, spostano,potenziano,modificano i servizi e reparti non valutando con coscienza e professionalità le reali esigenze, ma solo per rispondere ad influenze esterne.

Quando si farà un quadro serio del fabbisogno del personale a cui assegnare stabilmente i mezzi, i materiali e le risorse umane indispensabili per garantire la stabilità del servizio,la cura del malato e l’ operatività dei medici?

Perché la cosa pubblica  non deve funzionare e dobbiamo continuare ad affermare che, nella nostra città, il miglior rimedio è l’ aereo ?  E questa considerazione non è soltanto valida per il malato, ma anche per il medico che, sovente, per poter lavorare bene, lo dobbiamo raggiungere in uno degli ospedali del Nord italia.

A queste domande la città aspetta le risposte.

Avranno il tempo i nostri alti Dirigenti di darvi ascolto ?

 

Marsala, li 17/ 05/2019

Per il comitato cittadino “ Orgoglio Marsalese”      

Pino Carnese