“I dati a cui si riferisce l’onorevole Trizzino risalgono al 2017 e si discostano da quelli dell’Ispra appena dello 0,8 per cento. Parliamo di uno scostamento del tutto risibile, miscroscopico, che non influenza alcuna delle considerazioni e scelte tecnico-operative del piano rifiuti”. È quanto precisa l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon. 

“Per altro chi ha esperienza nel settore rifiuti – prosegue l’assessore – sa bene che anche i dati Ispra, che si rifanno ai Mud, avrebbero potuto non essere attendibili o, comunque, essere meno affidabili di quelli degli uffici del dipartimento Acque e rifiuti, oggetto di approfondimenti e incroci spesso effettuati. In ogni caso, a partire dai dati del 2018, per alzare ulteriormente il livello di controllo, abbiamo proposto un approccio ancora più dinamico e dettagliato.