Raccolta rifiuti, carenza d’acqua e situazione aeroportuale sono stati i temi dell’incontro, stamani a Marsala, del sindaco Alberto Di Girolamo con i giornalisti intervenuti a Palazzo Municipale. Presenti alcuni assessori della Giunta, il primo cittadino ha voluto sottolineare la grave situazione che si è venuta a creare sul fronte della raccolta differenziata dei rifiuti“per colpe che non sono imputabili a questo Comune più volte premiato per i risultati raggiunti, ma che rischia di non potere incrementare a causa di un Governo regionale che ci obbliga a confererire una quantità di rsu minore di quella che si produce”. Da qui il rinnovato appello a differenziare sempre meglio e di più, “nell’attesa che la Regione decida dove far scaricare i rifiuti oltre le 35 tonnellate autorizzate”. C’è stato uno spiraglio con il momentaneo conferimento nella discarica palermitana di Bellolampo, “ma questo, se da un lato ha permesso di ripulire le strade dai rifiuti accumulati, dall’altro la collettività la sta pagando cara, tenuto conto che il costo del conferimento è maggiore rispetto a prima”. Le contromisure dell’Amministrazione, visto il perdurare dell’emergenza, sono state illustrate dal vicesindaco Agostino Licari. “Perdurando questa grave situazione, fermo restando l’invito a differenziare sempre più, se costretti a ridurre i giorni di ritiro dell’rsu”, attiveremo un servizio specifico per il ritiro di pannolini e pannoloni”. L’altro argomento oggetto della conferenza stampa è stata la carenza d’acqua, ancora più sentita in questo periodo estivo.“Il problema dell’acqua si potrebbe risolvere se andassero in porto tre rilevanti progetti. Mi riferisco all’approvvigionamento idrico tramite l’acquedotto di Montescuro, l’utilizzo delle acque reflue per uso irriguo in agricoltura e con risparmio per quella potabile, la creazione di un dissalatore. Ma anche in questo caso la Regione non decide”. Da qui l’invito a cittadini e attività commerciali di dotarsi di contenitori che consentano di avere una riserva d’acqua disponibile, evitando altresì lo spreco della risorsa idrica. Ultimo tema dell’incontro, la vicenda legata all’Aeroporto “Vincenzo Florio”. È notizia di ieri la mancata partecipazione della Regione all’Assemblea dell’Airgest, cosa che ha comportato una situazione di stallo e di grande apprensione per i Comuni interessati. “Ci siamo assunti una grossa responsabilità a coordinare le procedure di gara per selezionare le compagnie aere e promuovere il turismo in questa provincia, afferma il sindaco Di Girolamo; gestire i 17 milioni stanziati dalla Regione non è semplice, ma l’atteggiamento del Governo, che anche in questo caso non decide, ci preoccupa e allontana quella rinascita turistica della stazione aeroportuale e della provincia trapanese , tanto a cuore ai nostri politici”. Nel rispondere ai giornalisti, il sindaco Di Girolamo ha fatto altre comunicazioni: a partire dalla possima settimana si avvieranno i lavori per la rete fognate nel versante sud-lidi e sarà ripristinata l’illuminazione sul lungomare.