Con un po’ di ritardo rispetto al previsto, a partire dalla prossima metà di agosto dovrebbero essere attivati i cantieri sociali previsti a Marsala. Un ritardo imputabile alle problematiche finanziarie della Regione che avevano messo a rischio lo svolgimento stesso dei cantieri servizio. Sono 200 i posti a disposizione per oltre 1000 disoccupati che hanno presentato domanda. I lavoratori saranno impiegati per la manutenzione di strade e marciapiedi, nel verde pubblico, per la pulizia degli uffici comunale e soprattutto in cantieri servizio a scopo sociale, come assistenza agli anziani e ai disabili. I progetti sono stati finanziati dall’assessorato regionale alla Famiglia, alle Politiche Sociali e al Lavoro per un importo complessivo di 930 mila euro. In totale sono 11 i cantieri approvati in città che permetteranno a circa 200 persone disoccupate di poter tirare un breve sospiro di sollievo in attesa magari di trovare un lavoro meno precario.

CATERINA PASSALACQUA